Servizi sociali

 

Servizio sociale comunale

L'animatore sociale e il segretario comunale si occupano delle situazioni di indigenza economica, implementando le misure di politica sociale comunale e quelle demandate dalla legislazione federale e cantonale.
Offrono assistenza approfondita in sede di istruzione delle pratiche.
Raccolgono le informazioni su situazioni di disagio per conto proprio o tramite terzi.
Quando possibile si adoperano per prevenire il verificarsi di situazioni di disagio sociale e/o economico.
Svolgono il ruolo di collegamento con la rete dei servizi sociali presenti sul territorio.

Il Comune di Vacallo per contribuire  a  migliorare  le  condizioni  di  esistenza  e  promuovere l'autonomia  individuale dei propri cittadini ha istituito il regolamento per l'Aiuto Complementare Comunale.

Altre facilitazioni e contributi sono offerti dal Comune anche per contribuire ad una migliore qualità di vita:

 

Sportello Regionale LAPS

Il 1. febbraio 2003 è entrata in vigore la Legge cantonale sull’armonizzazione e il coordinamento delle prestazioni sociali. La Legge ha lo scopo di armonizzare e coordinare i principi e le disposizioni che disciplinano la concessione delle prestazioni sociali erogate dal Cantone.
Sul territorio cantonale sono stati istituiti 12 sportelli periferici, il Comune di Vacallo fa capo all'ufficio di Chiasso.
Gli sportelli regionali LAPS si occupano dell’inoltro delle prestazioni sociali cantonali seguenti:

  • indennità straordinarie di disoccupazione (ISD), per gli ex indipendenti, prevista dalla Legge sul rilancio dell’occupazione e sul sostegno ai disoccupati
  • assegni familiari integrativi (AFI), previsti dalla Legge sugli assegni di famiglia
  • assegni di prima infanzia (API), previsti dalla Legge sugli assegni di famiglia
  • prestazioni assistenziali, previste dalla Legge sull’assistenza sociale

Il cittadino che desidera richiedere prestazioni LAPS deve rivolgersi al proprio Comune di domicilio per ottenere le relative informazioni (art. 11 R.LAPS). Lo stesso informa l’utente sulla procedura, verifica la completezza della documentazione e prende appuntamento, presso lo sportello regionale LAPS, per l’inoltro della domanda